Eventi
Parliamone
News e Pubblicazioni
  • Legal

Legge di delegazione europea 2022-2023

La Legge di delegazione europea 2022-2023, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 24 febbraio 2024 (Legge n. 15/2024), affida al Governo l'incarico di adottare i decreti legislativi per recepire le Direttive europee e attuare gli atti dell'Unione europea nel quadro di criteri, procedure e tempi definiti.Per quanto di interesse per il settore dei Financial Services, le deleghe affidate al Governo riguardano:Il recepimento delle seguenti Direttive europee:Direttiva (UE) 2022/2555 relativa a misure per un livello comune elevato di cybersicurezza nell’Unione (Direttiva NIS 2) (art. 3);Direttiva (UE) 2022/2557 relativa alla resilienza dei soggetti critici (art. 5);Direttiva (UE) 2021/2167 relativa ai gestori di crediti e agli acquirenti di crediti (art. 7);Direttiva (UE) 2022/2464 riguardante la rendicontazione societaria di sostenibilità (Direttiva CSRD) (art. 13).L’adeguamento ai seguenti Regolamenti europei:Regolamento (UE) 2022/2036 riguardante il trattamento prudenziale degli enti di importanza sistemica a livello mondiale con strategia di risoluzione a punto di avvio multiplo (art. 14);Regolamento (UE) 2018/1672 relativo ai controlli sul denaro contante in entrata nell’Unione o in uscita dall’Unione (art. 15);Regolamento (UE) 2022/2554 relativo alla resilienza operativa digitale per il settore finanziario (Regolamento DORA) (art. 16);Regolamento (UE) 2022/868 relativo alla governance europea dei dati (art. 17);Regolamento (UE) 2023/1113 riguardante i dati informativi che accompagnano i trasferimenti di fondi e determinate cripto-attività (Regolamento TFR) (art. 18);Regolamento (UE) 2023/1114 relativo ai mercati delle cripto-attività (Regolamento MiCAR) (art. 19).La Legge entra in vigore il 10 marzo 2024 e stabilisce le tempistiche per l'adozione dei decreti legislativi, che dipendono dai termini di recepimento indicati nelle Direttive europee o sono specificati nei singoli articoli della stessa Legge di delegazione europea.Per quanto riguarda le tempistiche per l’adozione dei decreti legislativi di recepimento delle Direttive, la Legge di riferimento (Legge n. 234/2012) prevede quanto segue: “il Governo adotta i decreti legislativi entro il termine di quattro mesi antecedenti a quello di recepimento indicato in ciascuna delle direttive; per le direttive il cui termine così determinato sia già scaduto alla data di entrata in vigore della legge di delegazione europea, ovvero scada nei tre mesi successivi, il Governo adotta i decreti legislativi di recepimento entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della medesima legge; per le direttive che non prevedono un termine di recepimento, il Governo adotta i relativi decreti legislativi entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della legge di delegazione europea.”.Le tempistiche per l’adozione dei decreti legislativi di adeguamento ai Regolamenti europei, invece, sono stabilite nei singoli articoli della Legge di delegazione europea. A tal proposito, pare utile evidenziare che il Governo è delegato ad adottare uno o più decreti legislativi per adeguare la normativa nazionale alle disposizioni:del Regolamento DORA: entro il 10 settembre 2025 (diciotto mesi dalla data di entrata in vigore della Legge);del Regolamento TFR: entro il 10 marzo 2025 (dodici mesi dalla data di entrata in vigore della Legge);del Regolamento MICAR: entro il 10 settembre 2024 (sei mesi dalla data di entrata in vigore della Legge).Con riferimento all’adeguamento nazionale alle norme europee sulle cripto-attività (MICAR e TFR), il Dipartimento del Tesoro del Ministero dell’Economia e delle Finanze ha avviato la consultazione con il mercato in data 22 febbraio 2024 (consultazione aperta fino al 22 marzo 2024).Legge 21 febbraio 2024, n. 15. Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l’attuazione di altri atti dell’Unione europea – Legge di delegazione europea 2022-2023.Per approfondire la lettura visita la pagina dedicata

  • Executive

Italia 2024: Persone, Lavoro, Impresa

  • Executive

Italia 2024: Persone, Lavoro, Impresa

Geopolitica: rischi ed implicazioni per il sistema delle impreseNuovo appuntamento del ciclo di incontri “Italia 2024: Persone, Lavoro, Impresa”, la piattaforma di dialogo con i massimi esponenti del mondo delle istituzioni, della finanza e dell’impresa, promossa da PwC Italia in collaborazione con GEDI Gruppo Editoriale, dal titolo “Geopolitica: rischi ed implicazioni per il sistema delle imprese”. Nel corso della puntata i diversi ospiti hanno analizzato il contesto macroeconomico e geopolitico internazionale, e si sono confrontati sulle principali sfide per le imprese italiane nel 2024.All’incontro hanno partecipato:Giovanni Andrea Toselli, presidente e ad PwC Italia; Lucia Visconti, docente di Scienza delle Finanze - Università degli studi di Milano Bicocca;Emanuela Pettenò, consumer and deals markets leader di PwC Italia,Giuseppe Colombo, giornalista economico di La Repubblica,Giampiero Massolo, presidente di Ispi (Istituto per gli Studi di Politica Internazionale) e di Mundys, Mario Mauro, già ministro della Difesa,Alessandro Grandinetti, clients & markets leader PwC Italia L'incontro è stato moderato da Alessandro De Angelis, vicedirettore HuffPost.

  • Executive

Task force PNRR le principali novità e opportunità di finanziamento

  • Legal

Il project financing nel nuovo Codice dei Contratti Pubblici: la semplificazione procedimentale e le criticità applicative

  • Finance

Cripto-attività: adeguamento della normativa nazionale alle norme europee (schema di decreto legislativo)

  • Tax

La tutela delle idee creative nel settore pubblicitario: il deposito pre-emption presso lo IAP ed il ruolo svolto dai professionisti IP

Il nostro Manifesto

Condividere esperienze, consigli utili e storie di vita