Altre notizie
  • Investments

PwC: supporto cruciale alle Startup Fintech in Italia per ridurre gli errori ed aumentare la crescita

In Italia è cruciale supportare i nuovi imprenditori per ridurre errori dovuti a carenze di competenze. PwC accelera startup fintech per sviluppare il settore, nonostante la diminuzione del venture capital."In un Paese come il nostro, dove è difficile raccogliere capitali per le startup, è essenziale supportare i nuovi imprenditori per ridurre gli errori nell'implementazione, spesso causati dalla mancanza di conoscenze critiche sul fare impresa". Questa è la convinzione di Daniele Meini, partner di PwC Italia e leader dei mercati dell'innovazione digitale.Il Rapporto di Ricerca 2023 del "Venture Capital Monitor – VeM" mostra una diminuzione degli investimenti dell'11% rispetto al 2022, con un totale di 302 operazioni e un valore che è sceso da 1,9 a 1,1 miliardi di euro. Possiamo dire che si è esaurita la spinta al decollo del settore?“Non sarei così netto. Lo scorso anno è stato difficile per tutto il settore globale del venture capital tra tassi alti e incertezza della congiuntura. Sta di fatto, comunque, che il nostro è un mercato molto piccolo rispetto ad altri, non solo occidentali”.Cosa ci manca?"Se guardiamo al benchmark internazionale, gli Stati Uniti, è evidente che spesso da noi lo startupper è solo, mentre Oltreoceano, accanto all’ideatore dell’impresa, vi sono sin dall’inizio molteplici professionisti esperti di marketing, di finanza aziendale e di compliance. Questo è possibile perché da quelle parti il funding è molto più facile e consistente che da noi”.Abbiamo le idee, ma mancano i capitali…“Fatte salve alcune eccezioni, è proprio così. Da qui la nostra decisione di avviare un programma di accelerazione per aiutare gli startupper a minimizzare gli errori. Ci siamo concentrati sul fintech per non disperdere le energie e perché è tra i filoni più promettenti, con la Banca d’Italia che stima investimenti per un miliardo di euro nell’anno in corso e una costante crescita nei prossimi. In particolare ci siamo focalizzati su tre ambiti: insurtech, wealth management e lending. Se da un lato la situazione di mercato favorisce la nascita di numerose aziende nel settore della tecnofinanza (sono più di 600 quelle attive in Italia nel 2022 secondo l’Osservatorio Fintech di PwC), dall’altro genera operatori talvolta poco distintivi e con difficoltà persistenti nel rendere il business scalabile e replicabile su larga scala. Per altro, l'ecosistema di startup si concentra prevalentemente nelle città di Milano e Roma che negli ultimi anni hanno visto l'avvio di numerose iniziative a supporto dell'innovazione. Per continuare a far crescere l'ecosistema è fondamentale proseguire nella direzione intrapresa, garantendo condizioni sempre più favorevoli per i nuovi imprenditori e incoraggiando ulteriormente la partecipazione delle startup ai programmi di accelerazione”.Di cosa vi occupate in particolare?“Il Fintech Startup Accelerator Program mette a disposizione competenze, risorse e network per supportare lo sviluppo delle giovani aziende italiane nell’ambito financial services. Abbiamo selezionato otto nuove realtà, che aiutiamo gratuitamente a consolidare le loro conoscenze di settore attraverso masterclass e workshop specializzati, agevolando l’individuazione delle opportunità di crescita e consentendo di massimizzare il loro potenziale. Un’iniziativa concreta che può offrire alle startup la possibilità di trasformare le loro idee innovative in realtà consolidate”.Può citare alcuni esempi di aziende da voi seguite?"Open Rating ha sviluppato un algoritmo per misurare il merito creditizio di una PMI, fondamentale per accrescere la dinamica dell’erogazione di prestiti alle imprese. Mentre SaferPlaces ha sviluppato tecniche di modellizzazione climatica, idrologica, idraulica e topografica per misurare il rischio di inondazioni o altri effetti legati alle alluvioni pluviali, fluviali e costiere. Immaginate i danni provocati negli ultimi mesi e i relativi impatti sulle imprese assicurative”.

  • Executive

People & Future Horizons di PwC: L'Importanza della Cultura e delle Persone per il successo aziendale

L'evento “People & Future Horizons” di PwC Italia ha sottolineato l'importanza di leadership, cultura e innovazione, evidenziando che il successo aziendale dipende dalle persone e dalle loro competenze.L’evento “People & Future Horizons”, organizzato da PwC Italia in collaborazione con Il Sole 24ORE il 28 maggio 2024, ha offerto approfondite discussioni su leadership, cultura, innovazione e sviluppo delle persone, rappresentando una fondamentale opportunità per riflettere sull’importanza di questi temi, oggi più che mai rilevanti.Considerati spesso vaghi e intangibili, gli ultimi anni di difficoltà hanno evidenziato quanto siano cruciali per il successo aziendale, trasformandoli da semplici slogan a elementi concreti e determinanti. Nel periodo post-pandemia, mentre il lavoro sembra perdere rilevanza, le persone cercano un maggiore senso nel lavoro. Le ricerche di PwC dimostrano che la pandemia ha riscoperto legami e bisogni profondi, traducendosi in richieste di flessibilità e equilibrio tra vita e lavoro, conferendo al lavoro un significato più ampio.Questo paradosso è il terreno fertile per mettere le Persone al Centro. Le aziende, dopo ingenti investimenti in tecnologie e riduzione dei costi, hanno realizzato che manca un fattore veramente differenziante: la Cultura. Termini come Cultura, Leadership, Motivazione e Senso diventano i pilastri delle strategie aziendali e dello sviluppo personale. Durante il Convegno, testimonianze dal mondo dello Sport, delle Imprese, dell’Innovazione e del Sociale hanno concordato che il vero successo risiede nelle persone. I CEO di grandi aziende hanno discusso come la leadership, anche quella non formale, sia fondamentale per definire comportamenti e sostenere una Cultura aziendale di successo. Gli esperti di innovazione e AI hanno evidenziato l’importanza di interrogarsi sul “senso” dell’uso dell’Intelligenza Artificiale.La complessità introdotta da innovazioni come AI e GenAI rappresenterà una sfida per la leadership. Il PwC AI Jobs Barometer rileva che i settori maggiormente esposti all’IA registrano una crescita della produttività notevolmente superiore, creando nuove opportunità di valore. Tuttavia, le competenze richieste stanno cambiando rapidamente, rendendo essenziali gli investimenti in formazione e sviluppo.Il gruppo dedicato alle Skill e allo Sviluppo delle persone ha sottolineato che la vera “moneta” di scambio sono le conoscenze e le abilità individuali. In risposta a queste esigenze, è stata lanciata l’iniziativa “People Hub”, che ha suscitato grande interesse. Questo sistema, coordinando aziende, Agenzie per il Lavoro, Enti di formazione e ricerca, mette le persone al centro del proprio sviluppo, valorizzando risorse e talenti spesso nascosti.PwC è convinta che le organizzazioni che abbracceranno queste nuove visioni e le attueranno concretamente non solo prospereranno, ma diventeranno faro di innovazione e inclusività.

  • Legal

Il MIMIT ha emanato le linee guida per ottenere la certifica tecnica del credito d’imposta per R&S, Innova e Design

Il Decreto Direttoriale del 4 luglio 2024 del MIMIT ha approvato le linee guida per la certificazione degli investimenti in Ricerca e Sviluppo, Innovazione Tecnologica, Design e Ideazione estetica, necessari per ottenere benefici fiscali, definendo criteri e procedure.Il Decreto Direttoriale del 4 luglio 2024 del MIMIT ha approvato le "Linee Guida" per la Certificazione prevista dagli articoli 23 del D.L. n. 73/2022 e 3 del D.P.C.M. 15 settembre 2023. Queste linee guida stabiliscono i criteri per la qualificazione e validazione degli investimenti in Ricerca e Sviluppo, Innovazione Tecnologica, Design e Ideazione estetica, necessari per ottenere benefici fiscali come il credito d'imposta previsto dalla L. n. 160/2019 e il D.L. n. 145/2013.Con la pubblicazione delle linee guida, i certificatori tecnici registrati presso il MIMIT possono, a partire dall'8 luglio, inviare i Modelli di Certificazione richiesti dalle imprese sulla piattaforma dedicata. La certificazione tecnica è fondamentale per prevenire contestazioni sulla natura agevolabile delle attività svolte dalle imprese, riducendo il rischio di accertamenti e contenziosi fiscali.Le imprese dovrebbero considerare attentamente questa opportunità, specialmente quelle che hanno ottenuto o prevedono di ottenere crediti d'imposta significativi e non sono ancora state verificate dall'Amministrazione finanziaria. La procedura per ottenere la certificazione tecnica dura tra 90 e 180 giorni, per cui è consigliabile attivarsi rapidamente per identificare un certificatore e preparare la documentazione necessaria.I passaggi principali per ottenere la certificazione sono:Accedere al sito MIMIT per scegliere un certificatore.Inviare la domanda di certificazione e versare i diritti di segreteria.Predisporre l’istanza di certificazione secondo il modello del Ministero.Trasmettere la certificazione al MIMIT entro 15 giorni dal rilascio.La certificazione si considera ottenuta se il MIMIT non richiede ulteriore documentazione entro 90 giorni; se richieste integrazioni, la certificazione è rilasciata entro 60 giorni dall’invio della documentazione aggiuntiva.Le Linee Guida sono basate sui Decreti MISE del 2020, MEF del 2015 e sui manuali internazionali dell’OCSE, e sono suddivise in quattro sezioni principali:Ricerca e Sviluppo (art. 1, c. 200, L. n. 160/2019): definisce i criteri del Manuale di Frascati per qualificare i progetti di R&S.Ricerca e Sviluppo (art. 3, D.L. n. 145/2013): approfondisce la disciplina del credito d'imposta R&S per i periodi 2015-2019.Innovazione (art. 1, c. 201, L. n. 160/2019): definisce i criteri del Manuale di Oslo per attività di innovazione generale e tecnologica, con un focus sull’innovazione digitale 4.0.Design e Ideazione Estetica (art. 1, c. 202, L. n. 160/2019): descrive le attività ammesse al credito d'imposta nella fase precompetitiva della realizzazione dei campionari non destinati alla vendita.Per approfondire la lettura visita la pagina dedicata

Il nostro Manifesto

Condividere esperienze, consigli utili e storie di vita